Serie B1
giovedì 24 gennaio 2019
Conosciamo le atlete dell'AgriLagaria Volano: Marta Scanavacca

Nome: Marta
Cognome: Scanavacca
Data di nascita: 11 gennaio 1997
Residenza: Rosà
Soprannome: Martus
Professione: studentessa, facoltà di Economia a Trento
Ruolo: libero
Quando hai iniziato a giocare? In quarta elementare
Curriculum sportivo: Volley Rosà, S.Croce e Bassano Volley (settore giovanile), Bruel Volley Bassano (Under 16, Under 18, serie C e serie B1), Aduna Volley Padova (serie B1), Ata Trento (serie B1), Volano Volley (serie B1)
Stagione più bella? Come vittorie, sicuramente il primo anno alla Bruel nel quale abbiamo vinto lo scudetto, ma pure durante l'annata trascorsa al Bassano volley ho conosciuto un allenatore fantastico ed una squadra bellissima. Penso sia stata la stagione in cui mi sono divertita di più in assoluto!
E quella più difficile? A Padova, ma non la definirei la più brutta. Mi ha aiutata a crescere, come persona ed atleta. Affrontare le difficoltà fa parte del gioco
Squadra del cuore: nessuna in particolare. Tifo il bel gioco, forse Perugia e Trento
Atleti preferiti: Roger Federer e Tai Aguero
Una compagna di squadra che non dimenticherai: Ho un bellissimo ricordo di molte ex compagne di squadra. Ho avuto la fortuna di conoscere atlete, amiche e persone straordinarie e di questo sono molto grata alla pallavolo. In particolare, fra tutte, direi Lia Malinov. Per me, è l'esempio di come dovrebbe essere un vero atleta. Da lei ho imparato la mentalità vincente, del lavoro e del sacrificio quotidiano
A chi dedichi le tue vittorie? Alla mia famiglia che mi segue sempre e non mi fa mai sentire sola. Un grande grazie pure a mio zio Giovanni che, per primo, mi ha trasmesso la passione per questo fantastico sport. Ma in particolare ai miei genitori: sono il mio esempio ed a loro devo tutto
Come mai hai scelto Volano? Questo è il mio secondo anno in Trentino per motivi di studio e dell'ambiente Volano ho sempre apprezzato la grande passione che si respira e si vive per questo sport. Dai dirigenti, allo staff ed a tutti quelli che fanno parte di questo progetto. Mi sento a casa e non è cosa da poco. La società è sempre molto presente ed il clima familiare, di umanità delle persone è un aspetto che apprezzo moltissimo
Dove può arrivare la squadra nel suo 1° anno di B1? Ad inizio anno siamo partite con l'obiettivo salvezza, ma la squadra ha le potenzialità per fare qualcosa di più e lo stiamo dimostrando. Sogno play-off? Con il nostro gioco e le nostre qualità possiamo giocarcela con qualsiasi squadra, anche con le corazzate costruite per la promozione. Il problema non sono gli avversari, ma siamo noi. Inseguire fino all'ultimo i play-off sarebbe sicuramente una bella soddisfazione che ripagherebbe tutto il lavoro e la fatica fatte ogni giorno
Unica giocatrice extra-regionale della rosa, come ti trovi in Trentino? Mi trovo molto bene, sia nel mio percorso universitario che in palestra. Conciliare tutto, a volte, non è semplice ed ovviamente mi manca casa, ma ho delle compagne ed uno staff straordinari. Quando ho bisogno di una mano in un momento di difficoltà non si tirano mai indietro e questo mi aiuta moltissimo. Sono grata di avere una squadra così
Che musica ascolti prima delle partite? Imagine Dragons, Two Steps From Hell e le musiche di Hans Zimmer, ma la mia canzone preferita rimane ancora "Titanium" di David Guetta.
Nel tempo libero cosa fai? Quando posso, tra studio e pallavolo, cerco di stare in famiglia e con gli amici più stretti. Mi piace la fotografia, adoro viaggiare, leggere e, naturalmente, il beach volley.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,766 sec.

Cerca

Inserire almeno 4 caratteri