Volano Volley rothoblaas capigroup srl roverplastik logo Trentino
Serie B1

Rothoblaas con il cuore, 3-2 in una gara dalle mille emozioni

Quattro partite giocate, tre tie break già in archivio. Non si può dire che questo inizio di stagione sia stato tenero nei confronti del Rothoblaas Volano, chiamato ad affrontare battaglie in serie, le ultime due delle quali vinte. Ieri sera alla palestra di via Zucchelli il pubblico di fede biancorossa ha visto ancora una volta la propria squadra comandare, subire, esultare, incassare, sempre comunque combattere fino a quando l’ultimo pallone non è caduto a terra. Quel che rimane è un 3-2 ai danni della neopromossa Tecnometal Piadena, che non lascia molti rimpianti, visto come si erano messe le cose.

Vinti i primi due set con una certa autorità, anche se quello inaugurale non era cominciato bene, de Val e compagne hanno infatti perso il filo del gioco, soprattutto perché il servizio della squadra cremonese ha messo alle corde la ricezione di casa. Per uscire dall’angolo nel quale era stato cacciato il Volano ha dovuto attendere, appena in tempo, la seconda parte del tie break, quando i servizi di Federica Braida l’hanno trascinato verso una vittoria a quel punto insperata.
A dare un contributo determinante al successo sono stati senza dubbio i 13 muri confezionati dalla coppia Braida - Gridelli (8 solo per Fulvia) per un totale di 17-6 di squadra, ma anche i 25 punti di Carlotta Petruzziello, con il 42%, migliore attaccante di palla alta del match.
Tutto è bene quale che finisce bene, dunque, ma ora bisognerà sfruttare al meglio la pausa per recuperare le energie, risolvere i problemi fisici che fanno penare molte atlete e reintegrare nel gruppo Ilenia Calza, prima e unica alternativa ai due posti-4 dopo l’infortunio di Emma Galbero.

La cronaca

Se il Volano non può proporre alcuna sorpresa nel proprio starting seven, composto da Braida e Petruzziello, Bellini e Orlandini in banda, de Val e Gridelli al centro, Pierobon libero, il Piadena manda in campo l’ex Nicole Ianeselli fin dal primo scambio, una scelta indovinata alla luce del fatto che a fine match risulterà la migliore marcatrice delle ospiti, insieme all’altra laterale Alessia Corradetti. Confermata Marta Caimi in regia e Chiara Ravera opposta, al centro ci sono l’esperta Alessandra Feroldi e Renée Campi, il libero è Chiara Anglois.

L'ex Nicole Ianeselli contro il muro di de Val e Bellini
L'ex Nicole Ianeselli contro il muro di de Val e Bellini

Dopo le prime schermaglie la frazione prende una brutta piega per le lagarine, che d’un botto si trovano dal 3-2 al 3-8. Ferali i servizi di Nicole Ianeselli, che, oltre a produrre due ace, danno la possibilità a Corradetti di esaltarsi in attacco e a muro. Fino al 9-14 il Volano arranca, poi Alice Bellini suona la carica: dopo aver messo a segno un cambio palla, realizza due ace consecutivi sul libero Anglois, mentre il 13-14 è opera di Petruzziello. L’opposta modenese, grande protagonista del match di San Donà, firma i due attacchi che valgono il 16-16, mentre Orlandini conquista il 17-16. Sembra il punto di svolta, invece il Piadena reagisce con rabbia, ancora con i servizi di Ianeselli (da 17-17 a 17-19) e di Feroldi (da 18-20 a 18-22). Il contributo degli errori delle padrone di casa è costante. Prima che sia troppo tardi il Rothoblaas ci mette una pezza e lo fa grazie al ruolo da protagonista che decide di ritagliarsi Fulvia Gridelli, a segno con tre muri sulle laterali quasi consecutivi, uno show, nel quale si inserisce anche un attacco di Bellini, che vale il 23-22. Il Volano dispone di quattro set point, l’ultimo lo finalizza un bagher fuori misura di Corradetti sul secondo tocco: 28-26.

Un attacco di Carlotta Petruzziello (25 punti)
Un attacco di Carlotta Petruzziello (25 punti)

Lo scampato pericolo dà la carica al Volano, che dopo il cambio di campo pare deciso a mettersi subito alle spalle l’avversario. Carlotta Petruzziello ha il braccio caldissimo, Ianeselli commette un errore e in un attimo il tabellone indica 5-2. la fase break delle biancorosse funziona e approfitta ancora del buon momento incamerando altri due break point dal turno al servizio dell’opposta, merito di Braida, che mette a terra ogni pallone capiti dalle sue parti, ma anche di Gridelli, in giornata di grazia a muro. L’ace del 10-5 sembra già decisivo. Il Piadena stringe i denti e sul 13-9 riesce, un po’ a sorpresa, a pareggiare i conti: il merito è dei servizi della centrale Campi, che fruttano due ace su Orlandini e un errore di Bellini, oltre ad un attacco dell’opposta Ravera, impiegata con il contagocce da Caimi. Tutto da rifare.
L’incertezza dura fino al 17-16, quando diventa decisiva Jessica de Val al servizio: le sue jump float a filo rete costringono il Tecnometal a giocare scontato e ad appoggiarsi sul posto-4 di prima linea, Alessia Corradetti, che viene murata due volte da Gridelli e Petruzziello. In attacco, invece, vanno a bersaglio Orlandini e l’opposta: il 21-16 blinda il successo parziale volanese, confezionato da un ace e un attacco di Carlotta. Chiude Braida: 25-19.

L'opposta cremonese Chiara Ravera cerca il mani e out
L'opposta cremonese Chiara Ravera cerca il mani e out

La prospettiva di incamerare altri tre punti è allettante, ma il Piadena è tutt’altro che finito. La squadra cremonese inizia ad investire molto sul servizio e la scelta di forzarlo paga, perché il cambio palla della Rothoblaas inizia a barcollare vistosamente. Già la prima serie di servizi del terzo set, affidata a Feroldi, produce un problematico 0-5, con Ianeselli sugli scudi. Le biancorosse riescono a reagire grazie ad una serie di muri vincenti, confermando la propria supremazia assoluta in questo fondamentale: l’accoppiata Braida - Gridelli trascina la squadra a -1 (8-9), ma è l’ultimo attimo in cui le due squadre sono vicine, perché poi gli ace di Ravera e Feroldi riportano avanti le ospiti con decisione (11-15). La rotazione che sembra chiudere anzitempo il set è quella che vede l’ex Nicole Ianeselli infierire sulla ricezione trentina (14-20). Al Volano, però, basta sistemare il cambio palla per tornare subito sotto, potendo contare su un’ottima fase break, ma purtroppo sul 21-22, frutto di alcuni errori ospiti e di una serie di contrattacchi ben congegnati, la luce si spegne di nuovo: Corradetti mura Petruzziello, Feroldi mette a terra un primo tempo e Ianeselli firma il 21-25.

Emma Orlandini e Fulvia Gridelli a muro su Ianeselli
Emma Orlandini e Fulvia Gridelli a muro su Ianeselli

Dopo tre frazioni così, ci si può attendere di tutto nella quarta. La direzione che prende fin dall’avvio è poco promettente per il Volano. Il Piadena ha trovato coraggio e intravede ora la possibilità di sfruttare l’impossibilità delle padrone di casa di dare anche solo un attimo di respiro alle tre attaccanti di palla alta. Caimi fa male dalle linea dei nove metri (smash di Feroldi e ace sulla neo entrata Cramerotti), propiziando il 3-6, poi Pecorari realizza un altro ace su Bellini. Un muro di Orlandini contiene lo svantaggio, ma poi ci pensa Ianeselli in battuta a chiudere con largo anticipo la frazione: tre errori biancorossi e due ace sulle due laterali di casa (8-16) fanno intendere al Volano che anche questa volta sarà tie break. I punti che portano al 15-25 finale sono della scatenata Ianeselli, ma anche delle lagarine (4 errori assortiti).

La regista del Piadena Marta Caimi
La regista del Piadena Marta Caimi

L’ultima frazione non è per deboli di cuore. Il 4-3 iniziale vede protagonista il muro di casa (Petruzziello e Braida) ed è un buon segnale. Poi però la regista friuliana non riesce ad innescare la fast con Gridelli ed è parità. Sul 6-7 le cose sembrano volgere al peggio, perché Piadena forza il servizio con Feroldi e raccoglie la bellezza di quattro break point con un ace, due attacchi di Ianeselli e un errore di Emma Orlandini. La beffa del 2-3 sembra dietro l’angolo, ma il Volano ha ancora una carta da giocarsi e lo fa alla grande. Parliamo dei servizi di Federica Braida, che dai nove metri confeziona una serie incredibile, foriera di due ace, due errori di Ianeselli, due attacchi vincenti di Bellini e Petruzziello. L’incredibile sorpasso è benzina per l’entusiasmo del Volano e dell’arena biancorossa, ora basta completare l’opera con un servizio out su Caimi e un ace di Bellini su Ianeselli, che non può far altro che spedire il pallone sul soffitto. Un 15-12 che dà tanto morale alla biancorosse.

Un muro della premiata coppia Gridelli - Braida (13 block in due)
Un muro della premiata coppia Gridelli - Braida (13 block in due)

Il tabellino

Elenco degli argomenti delle notizie:

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,531 sec.

Cerca nelle news