Volano Volley rothoblaas capigroup srl roverplastik logo Trentino
Serie B1

In trasferta il Rothoblaas non perdona: battuto anche lo Spakka

Anche nel 2023 il Rothoblaas Volano si conferma squadra micidiale lontano da casa. Il successo per 3-1 (25-15, 20-25, 25-20, 25-15) conquistato ieri sera a Villa Bartolomea contro il fanalino di coda Spakka Volley è il quarto consecutivo costruito fuori regione in questo campionato ed è arrivato al termine di una prova ordinata, che ha lasciato spazio alle sfuriate delle padrone di casa solo nella seconda frazione, quando le attaccanti biancorosse hanno commesso qualche errore di troppo. Marcata in maniera efficace la temibile laterale rossoblù Angelica Costamagna, poi si è trattato solo di avere pazienza e limitare gli omaggi ad un avversario che in attacco non ha trovato sbocchi alternativi: l’opposta Dal Cero ha chiuso con il 16% di efficacia, l’altra schiacciatrice Marconcini con il 20%.
Il Volano ha invece messo a terra il 42% dei palloni alzati da Federica Braida e murato alla grande (15-5), grazie ad una prova corale davvero importante in questo fondamentale, che fa ben sperare per il futuro. Positivo l’esordio in maglia biancorossa di Giulia Manetti, per ora poco servita in attacco (5 su 9 per lei), ma incisiva a muro (3 block) e in battuta (3 ace).

La cronaca

Luca Parlatini decide di giocare la nuova carta Giulia Manetti fin dal primo scambio e la sistema in diagonale a Caterina Miori. Immutate le linee palleggiatrice-opposta, con Federica Braida e Carlotta Petruzziello, e quella di posto-4, con Emma Orlandini ed Alice Bellini. Lo Spakka Volley si affida ai palleggi dell'ex Rosita Civetta, schierata in diagonale con Maria Vittoria Dal Cero, in banda ci sono la temutissima Angelica Costamagna con Sofia Marconcini, al centro capitan Giada Permunian con Martina Pegoraro, il libero è Chiara Adorni.

I primi scambi sono tutti all'insegna dell'equilibrio: un primo vantaggio (1-3) del Rothoblaas viene subito annullato da due attacchi di Costamagna (3-3). Lo Spakka riesce ad appoggiarsi moltissimo al servizio in questa fase, visto che i punti del 5-4 e del 6-4 arrivano con due ace di Civetta. Le veronesi commettono però troppi errori per poter pensare di conservare i vantaggi costruiti e nella seconda parte della frazione tocca al Volano cambiare marcia e dominare la scena in lungo e in largo. Protagonista assoluta è ancora una volta Carlotta Petruzziello, che firma il break del 9-11 e poi dalla linea dei nove metri mette in difficoltà il cambio palla dello Spakka: serve per cinque volte consecutive e oltre ad un ace si annotano un errore di Civetta, un attacco di Orlandini e un muro di Miori su Costamagna (11-17). Nel turno al servizio successivo le ospiti raccolgono altri tre break point, frutto di un errore di Costamagna, di un pallonetto dell’immarcabile Petruzziello e di un muro di Miori su Marconcini (12-21). Il dominio delle lagarine è incontestabile, il primo muro vincente di Manetti in maglia biancorossa vale il 15-24, mentre l'errore in attacco di Costamagna fissa il 15-25. A fine frazione si annotano bene 7 punti di Petruzziello e appena 4 della stessa Costamagna.

Il secondo set prende subito una piega diversa. Il Volano va in difficoltà già sul 2-2, dato che un errore di Bellini, un muro di Dal Cero su Orlandini e un errore di Petruzziello lanciano lo Spakka sul 7-4. A compromettere la frazione è però il passaggio a vuoto delle ospiti, che si annota dall'8-4 all'11-4, prodotto da due ace di Pegoraro su Pierobon e da un errore in attacco di Bellini. A questo punto Luca Parlatini ha già utilizzato entrambi i time out. A poco vale il buon momento del Rothoblaas, che infila tre break point consecutivi, grazie ad un muro di Braida, un pallonetto di Bellini e un errore di Permunian, perché poi le veronesi si riportano a +3. L'ultimo sussulto di orgoglio del Volano in questa frazione vale il 15-13, poi le ragazze di Pollini scappano sul 17-13 con un ace di Permunian, sul 20-16 con un errore di Miori e sul 23-18 con una pipe di Costamagna. A chiudere il set sul 25-20 ci pensano due battute consecutive sbagliate dalle biancorosse.

Dopo due frazioni così diverse fra di loro il Volano ha l'obbligo di riportare il match su binari più congeniali, così nella terza parte a spron battuto, realizzando una serie di break point in quattro delle prime sei rotazioni. Oltre ad un servizio che crea grossi problemi alla ricezione di casa, la squadra trentina trova in Emma Orlandini una finalizzatrice spietata: suoi i punti dell’1-2, 2-4, 2-5, 3-7, poi il testimone passa ad Alice Bellini, che ne firma tre fino al 6-12. Il divario si allarga ancora quando la schiacciatrice modenese picchia dai nove metri, trovando due ace e permettendo ad Orlandini e Petruzziello di affondare i colpi fino al 6-17.
A questo punto il Volano, forse immaginando che il set sia virtualmente terminato, stacca la spina e permette allo Spakka di rimontare, lentamente, ma inesorabilmente, fino ad un pericoloso 19-22: una parte dei meriti sono di Costamagna, che in attacco fa vedere ci che pasta è fatta, ma un buon contributo alla causa lo danno anche molti errori lagarini. Luca Parlatini usa i due time out a distanza ravvicinata, ma solo un battuta in rete di Pegoraro ferma la rincorsa scaligera sul 19-23. A quel punto Petruzziello e un errore di Costamagna da seconda linea blindano il 20-25.

Anche nella quarta frazione il Rothoblaas parte con il passo giusto, sfruttando subito un ace di Manetti in zona di conflitto e uno di Petruzziello, aiutata dal nastro. L'errore in attacco di Costamagna vale il 2-5. Lo Spakka stringe i denti e riesce a riconquistare faticosamente la parità per l’ultima volta, sfruttando a sua volta una battuta vincente di Dal Cero e un attacco di Costamagna, ma sul 9-9 sembra aver esaurito le proprie risorse, visto che da lì in poi le ospiti dominano in lungo e in largo. Si comincia con due break point propiziati dal servizio di Manetti (errore di Pegoraro e ace sulla linea di fondo), ma il turno al servizio che chiude di fatto il match è quello di Emma Orlandini, che si porta sulla linea dei nove metri sul 12-14 e la lascia sul 12-18: sugli scudi il muro del Volano, a segno per tre volte consecutive su Marconcini e Dal Cero, il resto lo fanno Petruzziello e Bellini in attacco. Un altro block di Manetti sulla spenta Dal Cero fissa il 13-20, mentre è un ace di Braida su Marconcini a concretizzare il 14-23. A quel punto entra in campo anche Asia Calza, che in pochi secondi riesce a realizzare ben due punti, uno in primo tempo e l'altro, quello che chiude la sfida sul 15-25, a muro su Costamagna.

Il tabellino

Elenco degli argomenti delle notizie:

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,609 sec.

Cerca nelle news