Volano Volley rothoblaas capigroup srl roverplastik logo Trentino
Serie B1

Il Rothoblaas si impone al tie break e consolida il terzo posto

Al termine di una partita che non ha lesinato i colpi di scena, il Rothoblaas supera al tie break lo Spakka Volley e si porta a +2 sull’Arena Volley e a +3 sulla coppia composta da Giorgione e Porto Mantovano ad una giornata da termine della regular season. Il Volano ora occupa quindi il terzo posto in solitaria, che, nei fatti, può esserle scippato solo dall’Arena o dal Porto Mantovano, avversarie che daranno vita ad uno scontro diretto sabato prossimo in casa delle gialloblù. In caso di aggancio da parte di una delle due inseguitrici le biancorosse sarebbero svantaggiate a causa del numero inferiore di successi, ma la buona notizia è che a Braida e compagne basterà vincere al tie break in casa dell'Aduna Padova per blindare la terza piazza a prescindere da quello che succederà a Castel d’Azzano. Le ridottissime speranze del Giorgione, invece, si basano, oltre che su un rapido ko del Volano e su un successo pieno delle stesse trevigiane sul Volta Mantovana, sulla vittoria al tie break del Porto Mantovano, cioè su una spartizione della posta che impedirebbe alle due sfidanti di raggiungere Volano e, appunto Giorgione. A parità di match vinti (14), a quel punto, queste due formazioni si giocherebbero i playoff sulla base del quoziente set, che potrebbe ancora, calcolatrice alla mano, premiare il Giorgione. Una combinazione talmente complessa che rimane aperta solo per la matematica.

Certo, se il Volano ieri sera fosse riuscito a superare lo Spakka Volley per 3-0 o 3-1, sabato prossimo in casa dell’Aduna Padova avrebbe più risultati a disposizione per blindare la terza piazza (anche la sconfitta al tie break), ma la sfida di ieri non è stata affatto semplice per le biancorosse, che, dopo essersi portate in vantaggio per 2-0 senza soffrire molto, hanno pagato la reazione di una squadra che si stava giocando le ultime chance di salvarsi e soprattutto l’infortunio occorso a Emma Orlandini a metà del terzo set, che ha cambiato le carte in tavola. Le veronesi hanno portato la contesa al tie break, ma poi il Volano è stato lucido a cominciare il set di spareggio con un allungo micidiale e a mettersi al riparo da quella che sarebbe stata un’autentica beffa.
I dati parlano comunque di un Rothoblaas nettamente superiore in tutti i fondamentali, in attacco (45%-36%), a muro (18-8) e al servizio (8 ace contro 5), frenato solo dagli errori (11-5 in attacco 16-11 e al servizio).

La cronaca

Il Rothoblaas, per non lasciare nulla al caso, inizia la sfida con il settetto base, lo Spakka si gioca le proprie ultime carte stagionali con l’ex Rosita Civetta in regia, Camilla Valente opposta, Angelica Costamagna e Sofia Marconcini in posto-4, Giada Permunian e Martina Pegoraro centrali, Chiara Adroni libero.

Nei primi scambi le ospiti mostrano un po’ di brillantezza in più, che permette loro di portarsi avanti 2-4 e 3-5, sfruttando per due volte il muro (di Pegoraro e Valente). Sul 4-5 le biancorosse cominciano a ingranare, grazie ad una buona organizzazione muro - difesa, che permette loro di rigiocare molti palloni, tre dei quali vengono messi a terra da Bellini e Petruzziello. Il punto che dà la svolta al set è però il secondo muro vincente di Federica Braida (stavolta su Costamagna), che manda sull’11-9 il punteggio. Un pallonetto vincente di Orlandini sembra chiudere anzitempo la frazione (14-11), ma Costamagna si carica come sempre la squadra sulle spalle e riporta lo Spakka a -1 (16-15). A soffocare subito ogni velleità scaligera di vincere il set ci pensa Alice Bellini, in giornata di grazia, che realizza un ace per il +3, e poi, dopo due preziosi cambi palla di Petruzziello, si incarica di conquistare i punti numero 23, 24 e 25 in attacco. Lo Spakka si ferma a quota 20.

Caricata da una frazione in cui ha realizzato la bellezza di 10 punti, Alice Bellini comincia anche la seconda alla grande. I suoi siluri dai nove metri portano due ace, un facile smash di Orlandini, un muro di Manetti su Marconcini e un errore di Valente e sul 5-0 il Rothoblaas può già amministrare la situazione e allargare ulteriormente la forbice fino al 7-1 (Orlandini) e al 9-2 (muro di de Val). È un dominio assoluto quello delle biancorosse, che poi raccolgono un’altra infinita serie di break point con i servizi di Braida e il tabellone vola 12-6 a 17-6 grazie a due ace della palleggiatrice, a due attacchi di Petruzziello e a un muro di Asia Calza, entrata un secondo prima, su Marconcini. Una piccola reazione veronese, costruita con due muri, limita il passivo (17-10), ma poi torna in battuta Bellini e sono dolori (muro di Manetti su una Marconcini fuori partita ed ace sulla neo entrata Bortolamedi. Un errore di Costamagna e una fast di Miori, entrata sull’11-4, mandano le squadre al cambio di campo sul 25-13.

La strada verso un rapido successo del Rothoblaas sembra spianata, ancor più quando il Volano, schierato con Asia calza e Caterina Miori al centro, parte sul 4-2 anche nella terza frazione sfruttando un muro e attacco di Braida. Poi però comincia a cambiare il vento, perché le veronesi gettano in campo tutto quello che hanno per non ritrovarsi in B2 alla fine della serata e perché il Rothoblaas non passa più in attacco se non con Carlotta Petruzziello (8 punti nel set). Con la trentina Bortolamedi in posto-4 lo Spakka appare più equilibrato e va al sorpasso sull’8-9 grazie a un attacco della solita Costamagna e poi allunga quando Braida prova ad alzare ad una mano a Miori senza successo. La stessa Caterina ci mette una pezza a muro (11-11), ma poi Pegoraro mura Bellini, mentre Sandri realizza un ace su Orlandini, che vale non solo il 13-16, ma anche l’uscita temporanea di scena della schiacciatrice livornese, vittima di una sublussazione alla spalla sinistra rimediata cercando di raggiungere la palla che cade davanti a lei.

Emma si sistema la borsa della ghiaccio sull’articolazione e lascia il posto a Ilenia Calza. Il Volano subisce ancora i servizi di Bortolamedi (ace su Calza ed errore di Braida), ma sul 15-20 ha un guizzo che lascia ben sperare. Le battute di Asia Calza mettono in ginocchio il cambio palla dello Spakka, che incassa cinque break point, frutto di uno show personale di Petruzziello, che infierisce due volte in attacco e due volte a muro (su Costamagna), ma le ospiti, finite di nuovo sotto (21-20), sono brave a imporsi nel finale prima con uno smash di Pegoraro (23-24), poi annullando un match ball e infilando altri due break con Bortolamedi e la regista Palomba (secondo tocco vincente): 24-26.

La quarta frazione diventa inevitabilmente un’altra battaglia, anche perché Emma Orlandini non rientra in campo. Alice Bellini permette al Volano di rimanere agganciato allo Spakka (4-4), poi un palleggio falloso di Costamagna e un attacco di Petruzziello aprono una fase positiva per le padrone di casa, che potrebbero andare anche sul 7-4 se l’arbitro vedesse un tocco del muro su un attacco di Bellini. Il +3 arriva comunque poco dopo grazie ad un’invasione di Pegoraro (8-5). Inizia una fase fatta di brevi allunghi da una parte e dall’altra (8-7, 10-7, 10-9, 13-10), ma il pallino ce l’ha sempre in mano il Volano, almeno fino 16-13, quando, dopo un cambio palla di Bortolamedi, i servizi di Pegoraro, Valente e della stessa schiacciatrice iniziano a prendere di mira Ilenia Calza, in prima linea, e a paralizzare il cambio palla di casa. Così con due attacchi, un errore di Petruzziello e un ace su Pierobon (palla sul soffitto) le scaligere vanno al sorpasso (16-18), con un primo tempo di Permunian allungano (17-20) e poi con due errori di Petruzziello e Ilenia Calza si assicurano il tie break (18-23). Il punto del 20-25 è di Costamagna.

Nell’ultima frazione, decisiva sia per i destini del Volano sia per quelli dello Spakka, Luca Pralatini decide di schierare nuovamente il settetto base, utilizzando anche Emma Orlandini, che muove solo la spalla destra. Ci pensa il turno al servizio di Jessica de Val a dare subito una mano alle biancorosse, dato che i suoi cinque servizi esaltano Bellini (due attacchi a segno), Manetti (muro e primo tempo) e Petruzziello (attacco del 5-0), poi Braida festeggia il terzo ace della serata punendo il libero Adorni e si va al cambio di campo sull’8-2. Lo Spakka conquista un break subito dopo grazie ad un ace (8-4), ma poi si annotano solo cambi palla, che accompagnano senza alcun patema il Rothoblaas al successo per 15-10. Orlandini si prende anche la soddisfazione di mettere a terra la palla del 15-10.

Alice Bellini riceve il premio di mvp
Alice Bellini riceve il premio di mvp

Il tabellino

Elenco degli argomenti delle notizie:

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,5 sec.

Cerca nelle news