Volano Volley rothoblaas capigroup srl roverplastik logo Trentino
Serie B1

Con muro e battuta il Volano passa su Ripalta come un tornado

Il Rothoblaas chiude il girone di andata con due vittorie da tre punti, che lo spediscono a stretto contatto con la zona playoff e soprattutto che galvanizzano il gruppo in vista di un girone discendente nel quale ci sono le premesse per fare ottime cose. Come auspicato dalla società, l’inserimento in corsa nel gruppo di una pedina di sostanza come Francesca Magazza ha conferito grande equilibrio al gioco, in particolare nella fase break, che si fonda su un servizio, una difesa, un muro e un contrattacco di grande efficienza.

Basti pensare che ieri sera, sul campo di una squadra che fino a poche settimane fa era quinta, il Volano ha “sepolto” il Cr Transport Ripalta sotto a 14 ace (contro 0) e 14 muri (contro 10), rendendo quasi irrilevante ai fini del risultato la sostanziale parità di rendimento fra i due attacchi (27%-29% a favore del Rothoblaas con 14 e 13 errori). Importante è stato vincere il braccio di ferro del primo set, l’unico combattuto, e farlo con tre block vincenti, così come ripartire con convinzione dopo aver perso il secondo. Da menzionare anche le tante difese spettacolari di Sofia Giudice e l’ottimo ingresso di Chiara Sesenna nel ruolo di opposta all’inizio del secondo set.

La cronaca

Non ci sono sorprese nei due settetti. Le cremasche si affidano alla palleggiatrice Chiara Poggi e all’opposta Sara Lodi, le schiacciatrici sono Giulia Crespi e Anna Bassi, le centrali Marina Cattaneo e Francesca Rivoltella, il libero è il capitano Marika Coti Zelati. Il Volano conferma le diagonali Bortoli - Petruzziello, Galbero - Magazza e Campagnolo - de Val con Giudice libero.

L’avvio delle ospiti è a dir poco brutale per il Ripalta, che viene raggelato da tre ace consecutivi di Emma Galbero, brava ad incunearsi nelle zone di conflitto di Crespi (colpita due volte) e fortunata a trovare la deviazione del nastro. Petruzziello ribadisce il concetto con un altro servizio vincente, stavolta complice il soffitto sul quale va a finire il tocco della solita Crespi (2-6), ma il confortante vantaggio viene subito annullato da due errori consecutivi in attacco di Campagnolo e Magazza e da con contrattacco di Crespi. Dopo questi due strappi le formazioni procedono a braccetto.
Il Ripalta si affida molto a Sara Lodi, ma è un suo errore a riportare avanti il Rothoblaas (11-12). Ancora con i servizi di Bassi le padrone di casa provano a dare una spallata (16-14 grazie a due mano e out di Crespi), ma poi la stessa Crespi commette l’errore del 16-16. Un ace di de Val su Crespi, che riceve troppo vicino a rete, e un muro di Bortoli su Lodi sembrano lanciare le ospiti verso il successo parziale (21-23), ma a questo punto ci pensano per la terza volta i servizi di Bassi e compensare il tutto, uniti ad un muro e un attacco di Crespi. Inevitabile la coda dei vantaggi, quando tre provvidenziali muri consecutivi di Campagnolo, Bortoli e de Val (due su Crespi e un su Lodi) regalano il set alle biancorosse: 25-27.

Il secondo propone un copione abbastanza diverso. Il Ripalta dà infatti subito importanti segnali di reazione e prende il controllo della situazione. Un attacco in rete di Petruzziello vale il 3-1 e anche l’immediato ingresso di Chiara Sesenna al suo posto. Un altro ace di capitan de Val (l’ennesimo su Crespi che alla fine se subirà 9), ci mette una pezza (3-3), ma la squadra di Verderio riparte subito: 5-3 con un contrattacco di Bassi, 9-6 con un’invasione di Bortoli. L’ultima mini rimonta volanese del set è frutto di un errore di Lodi, che esaspera il lungolinea, e di un attacco di Sesenna (9-9). Da quel momento in poi il Ripalta guadagna un vantaggio sempre più ampio: 11-9 a causa di un’invasione di Sesenna, 17-13 grazie ai contrattacchi di Bassi e Cattaneo. Il problema del Rothoblaas è che non riesce a mettere la palla a terra, come avviene sul 18-15, quando Lodi mura per due volte Galbero e rende il vantaggio non più colmabile. Nel finale due attacchi dell’opposta valgono il 24-17, che regala sette set ball al Ripalta: il Volano ne annulla due, ma poi la solita implacabile Lodi piazza un lungolinea imprendibile e chiude il parziale sul 25-19.

Così come le padrone di casa, all’inizio della seconda frazione, avevano reagito con energia dopo un parziale perso, allo stesso modo il Volano aggredisce subito il Ripalta in avvio della terza. Il merito è soprattutto dei muri di Chiara Sesenna, confermata nello starting six, che oscura per tre volte la schiacciatrice Bassi, la quale finisce anche per mandare un pallone in rete: il 2-5 è gran bell’inizio.
Le cremasche appaiono poco lucide, ricevono malino e commettono molti errori in attacco, regalando cambi palla alle ospiti, che così difendono il vantaggio in carrozza, per poi affondare nuovamente i colpi ancora con de Val al servizio: muro di Campagnolo prima su Crespi e poi su Lodi, errore della stessa opposta e il Volano dilaga (7-13). Ma è ancora poco rispetto alla grandinata che si abbatte sul Cr Transport quando si porta al servizio Francesca Magazza, che comincia a bombardare la fragile ricezione di casa sul punteggio di 10-16 e termina di farlo sul 10-23. Una serie incredibile, nella quale ci sono due ace, ma anche una serie di contrattacchi vincenti delle compagne, alle quali le lombarde non riescono a prendere le misure, tanto che per fare il cambio palla serve un errore lagarino. L’ultimo punto è un ace di Campagnolo su Carera, che spedisce la palla sul soffitto, davvero basso.

Il parziale di 11-25 è pesante, troppo per riprendersi come se nulla fosse successo ed infatti il Ripalta accusa subito il colpo in avvio di quarto set. Il problema numero uno delle giocatrici di Verderio rimane sempre la ricezione, che paga dazio di continuo alle battute del Volano. Quelle di Galbero portano subito un ace e un contrattacco vincente di Magazza (0-3), poi su Giulia Crespi vanno a segno anche de Val e Sesenna (2-7), tanto che l’allenatore deve toglierla dal campo a favore di Alessia Carera. La distanza è già però troppo ampia per poter essere colmata con qualche muro, il fondamentale che gira meglio in casa cremasca, su Magazza, Campagnolo e Sesenna. Sull’11-15, poi, il Rothoblaas conquista un’altra serie di break point, questa volta impostati dalle battute di Chiara Sesenna, che realizza pure un altro ace. Sul 12-19 il match è di fatto terminato, Ripalta riesce a portarsi fino al -5, aiutato da alcuni errori delle trentine, e poi sul 19-23 con un errore di Galbero, ma poi un cambio palla di Sesenna e un errore di Bassi in attacco chiudono il sipario sul 20-25.

Il tabellino completo

Elenco degli argomenti delle notizie:

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,828 sec.

Cerca nelle news