Volano Volley rothoblaas capigroup srl roverplastik logo Trentino
Serie B1

Il finale è da cuori forti, ma i tre punti sono serviti

Si è chiusa con un finale ricco di pathos, nel quale i match ball (nove) delle padrone di casa e i set ball (cinque) delle ospiti si sono alternati in una maratona che sembrava non dover finire più, l’incontro che sabato sera ha messo di fronte Rothoblaas Volano e Banca Annia Padova. Benché le biancorosse abbiano manifestato una superiorità netta, dimostrata anche dai 19 punti in più conquistati (109-90), oltre che dai numeri di ogni altro fondamentale, come il 45% contro il 38% in attacco, i 12 muri contro 8 e gli 8 ace contro 4, si sono fatte sfilare dalle mani il primo set a causa di un calo di rendimento poco spiegabile, che ha permesso all’Aduna di portarsi dal 16-12 al 24-26 (parziale di 8-14), e nel finale del quarto si sono fatte rimontare da 24-20 a 24-24, complicandosi moltissimo la vita.

Alla fine, comunque, i tre punti sono arrivati e con essi la settima vittoria consecutiva, nuovo record societario in serie B1, una serie strepitosa, che mantiene il Volano al terzo posto, dato che sia Ostiano sia Vicenza hanno tenuto il passo, battendo per 3-0 rispettivamente Noventa e Peschiera. La squadra biancorossa è stata protagonista di una bella prova corale e ha dimostrato ancora una volta quanto sia importante poter disporre di un organico completo, dato che stavolta la vittoria è arrivata con l’inedita diagonale di posto-4 composta da Magazza e Ottino, che fisicamente paga dazio alle avversarie più prestanti, ma tecnicamente ha pochi eguali nella categoria.

La cronaca

Un po’ a sorpresa Lorenzo Amaducci deve rinunciare all’opposta Joielle M’Bra, infortunata al pari della seconda regista Federica Calia, e la rimpiazza con la schiacciatrice Giulia Dainese, arrivata a gennaio da Peschiera. Non muta il resto del settetto con Emma Rizzieri al palleggio, Giorgia De Bortoli e Federica Comotti schiacciatrici, Giuditta Romano e Gaia Biondi centrali, Sofia Cavalera libero. Il Volano non riserva sorprese e si affida all’assetto delle sei vittorie consecutive, ovvero alle diagonali Bortoli - Petruzziello, Galbero - Magazza e de Val - Campagnolo con Giudice libero.

La partenza del Rothoblaas lascia impietrita la squadra padovana, che si ritrova sotto per 6-2 senza neanche sapere come. A stordire le ospiti sono i servizi del Volano, uno di de Val (ace su Comotti) e tre di Petruzziello, che mandano a nozze Magazza e Campagnolo (attacco e muro sulla fast di Biondi). Poi ci pensa la centrale biancorossa a servire con efficacia, aiutata da Comotti, che manda il pallone out e da Galbero, che passa in mezzo al muro e firma un promettentissimo 10-5. In seguito l’Aduna comincia a ritrovare il proprio gioco, soprattutto nella fase di cambio palla, ma fino al 16-12, quando Galbero mette a terra un altro contrattacco volanese, non ci sono elementi per temere un ribaltamento della situazione. Tutto cambia quando la stessa numero 8 di casa sbaglia l’attacco del possibile 17-12 e manda in battuta Biondi, che difende una pipe di Magazza e permette a Comotti di conquistare il 16-14, poi è un tocco di Rizzieri a beffare la difesa trentina e a riaprire tutto: 16-15.
L’Aduna capisce che è il momento di approfittare della situazione e fa male con due battute della stessa Rizzieri (ace e contrattacco di Romano). Luca Parlatini cambia libero (dentro Pierobon), poi chiama time out, ma sul 19-20 Petruzziello manda in rete un attacco e le cose si complicano ancora di più. Sul 19-20 entra anche Ottino per Galbero. Un tocco fuori misura di Rizzieri sembra offrire al Rothoblas l’opportunità di rimediare (22-23), colta da un provvidenziale ace di Magazza per il 23-23, ma sul 24-24 una fast e poi un primo tempo di Romano vanificano la rimonta e portano un po’ a sorpresa in vantaggio un’Aduna davvero combattivo: 24-26.

Nella seconda frazione Parlatini conferma Ottino in diagonale con Magazza. L’avvio è tutto a favore del Rothoblaas, che crea di nuovo scompiglio nel cambio palla padovano con de Val (ace e muro di Campagnolo) e Petruzziello (il libero Cavalera sbaglia la misura del secondo tocco). L’opposta modenese è carica e va a segno ogni volta che Bortoli la chiama in causa, anche con un pallonetto che porta il Volano sul 9-5. Stavolta non c’è spazio per rimonte, il vantaggio si allarga costantemente, alimentato dagli attacchi di una incontenibile Magazza, che dà manforte alla compagna e va a segno anche dai nove metri (14-9). Petruzziello realizza anche il muro del 17-11 sull’opposta Dainese, che poi commette anche un errore ormai ininfluente, perché l’Aduna non dà segni di reazione fino al 25-15 finale, costruito con tre punti finale di Campagnolo e due di Magazza, compreso l’ace del 24-15.

Formazione che vince non si cambia e il Volano riparte con la coppia Magazza - Ottino. Sono di Jessica de Val gli spunti che permettono al Rothoblaas di scappare via subito anche nella terza frazione, leggi un beffardo palleggio in fondo al campo e un muro sulla collega Biondi, che viene immediatamente sostituita da Fregonese. Dal 7-4 si passa al 10-5, punteggio fatto segnare in ogni frazione di questo match, con gli attacchi di Petruzziello, che non ne vuole sapere di rallentare, basta servirla per andare a segno: suoi i punti numero 1, 3, 8, 10, 11, 12, e 13, l’ultimo dei quali dopo una spettacolare difesa di Magazza. L’attacco dell’Aduna fatica moltissimo e Comotti ci mette qualche errore di troppo, rendendo impraticabile qualsiasi ipotesi di rimonta modello primo set. Carlotta Petruzziello conquista i break point del 19-12 e del 20 e 21-13, il secondo con un muro sulla stessa Comotti, così si arriva in un attimo al 25-16, frutto di una battuta sbagliata di Nalin.

Adattandosi ad un copione ormai noto, anche nel quarto set il Volano conquista subito una supremazia quasi assoluta. Un ace di Petruzziello e un’invasione di Fregonese danno la prima spinta al Volano (3-1), la seconda è invece costruita dalla premiata coppia Magazza - Ottino, la prima ci mette due attacchi e persino un muro su Romano, la seconda una pipe e tante difese: risultato un 9-3 che non sembra lascia spazio a repliche. Fino all’11-5 il Rothoblaas tiene in pugno la situazione, ma poi con il turno al servizio di Biondi l’Aduna, stavolta in campo con Gherardi nel ruolo di opposta, inizia a risollevarsi, in maniera lenta ma continua. I primi segnali arrivano proprio con due break ai danni delle due protagoniste della frazione (muro su Ottino ed ace su Magazza), poi Petruzziello sbaglia in attacco, mentre De Bortoli si carica la squadra sulle spalle ed inizia a mettere a terra palloni pesanti. Bortoli non sa a chi affidarsi, visto che anche la fast di Campagnolo viene murata da Comotti, ma la fortuna del Volano è che Padova fa e disfa, commettendo anche troppi errori in battuta ed anche qualcuno in attacco, come quello del 19-16. Le biancorosse vogliono i tre punti e ruggiscono con un attacco di Magazza e un ace di de Val, il terzo, che rilanciano le quotazioni delle lagarine (22-18). Sul 24-20 si attende solo il colpo di grazia ai danni dell’Aduna, che però non arriva. Dopo il cambio palla di Comotti, Romano “stampa” due muri su Ottino e poi Magazza manda fuori la pipe: è l’incredibile 24-24. A questo punto inizia un duello rusticano, fatto di match ball e set ball, annullati: l’Aduna annulla quattro occasioni del Volano per chiudere, appoggiandosi sui posti-4, poi De Bortoli riesce ad invertire l’inerzia (28-29) e tocca al Rothoblaas dire di no per cinque volte alle opportunità di portare la contesa al tie break, anche grazie ad un muro di Bortioli su Comotti, che le strozza l’urlo in gola, e a un tocco di Bortoli. Sul 33-33, conquistato da Ottino con un delizioso mani e out, De Bortoli manda fuori un attacco eseguito a due metri dalla rete e subito dopo de Val mura l’opposta Gherardi facendo scattare l’urlo dell’arena biancorossa: 35-33.

Il tabellino completo

Elenco degli argomenti delle notizie:

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,625 sec.

Cerca nelle news